Massimo Mongai (scrittore)


E' nato a Roma il 3 novembre 1950 da padre toscano e madre friulana, ma si considera (ed Ŕ) romano a tutti gli effetti.

Ha iniziato a leggere fantascienza a dodici anni, e non ha pi¨ smesso. Alle letture di fantascienza ha abbinato quelle di Linus, del Paperino di Carl Barks, Balzac e Tex, Frued e Mafalda, e via via mescolando, oltre ad una laurea in giurisprudenza. Inizia a lavorare vincendo un concorso all'UniversitÓ di Roma La Sapienza per il posto di vice capoufficio dell'archivio e protocollo. Dopo non molto cambia carriera, diventando copywriter pubblicitario.

Nel 1997 vince un alto concorso, quello del Premio Urania che con Memorie d'un cuoco d'astronave gli schiude le porte d'una nuova carriera, quella che potrebbe cambiargli la vita. In due edizioni, una appunto Mondadori (Urania 1997) ed una Golosia (2000), il libro vende quasi trentamila copie, piazzandosi tra i primissimi nelle vendite di narrativa fantascientifica italiana di tutti i tempi.

A questo fa seguito Il gioco degli immortali (Urania 1999). Collabora fortemente con NigraLatebra, buco nero in latino (http://www.nigralatebra.it oppure http://www.zzz.it/nigralatebra), dove si pubblica una e-zine, il Fantafolio, e dove sono disponibili molti libri, sia saggi che romanzi, scaricabili gratuitamente e legalmente in formato testo.